Informazioni a tutela del cliente

per la sua sicurezza

Informazioni utili

Normativa e news

DOCUMENTI NECESSARI PER RICHIEDERE I PREVENTIVI

  1. Carta di circolazione, attestazione dello stato di rischio, documento di riconoscimento e patente. Sono indispensabili anche le seguenti informazioni: tipo del veicolo (marca, modello, allestimento ), composizione della famiglia (figli neopatentati), rimessaggio (garage, posto auto ecc.), tipo di antifurto, uso del veicolo (privato o promiscuo), chilometraggio annuo, altri veicoli in famiglia, eventuali sinistri negli ultimi 12 mesi, specificare se proprietario e conducente sono diversi dal contraente. PER L'UTILIZZO DELL'AGEVOLAZIONE BERSANI OCCORRONO TUTTI I DATI DEL FAMILIARE, L'ATTESTATO DI RISCHIO DELLA SUA AUTO E LO STATO DI FAMIGLIA.

Che cosa è la polizza Responsabilità Civile Auto (RCA)

La polizza RCA (acronimo di responsabilità civile auto) è il contratto assicurativo stipulato con la compagnia di assicurazione che copre i danni involontariamente causati agli altri quando usate l'auto. Le polizze auto coprono danni fino ad un massimale prestabilito e hanno tariffe diverse a seconda delle varie compagnie assicurative e servizi offerti. L'assicurazione auto è obbligatoria e copre un veicolo anche quando è in sosta o senza guidatore . In altri termini possiamo dire che se la vostra auto è assicurata, cosa che deve sempre essere per legge, in caso di incidente automobilistico al posto vostro pagherà i danni la compagnia di assicurazione alla quale vi siete affidati. ll danneggiato verrà risarcito nei limiti previsti dal massimale di polizza.

Che cosa stabilisce il "Decreto Bersani"

Il 2 aprile del 2007 il decreto Bersani ha apportato modifiche consistenti in vari campi, uno di questi è il settore Rca. L'obiettivo primario della legge è stato quello di rendere lineare e trasparente l'intero settore delle assicurazioni, garantendo così la necessaria protezione del cliente verso tutte le imprese. La legge Bersani può essere sintetizzata in due punti cruciali. Il primo punto è il divieto di modificare la classe bonus-malus da parte delle agenzia assicurative in negativo, prima di aver accertato la responsabilità del contraente in caso di sinistro. Il secondo punto è la possibilità di sfruttare la classe di merito di un altro veicolo (auto/moto), proprio o di un convivente. Sarà quindi possibile, ad esempio, per un figlio neopatentato assicurare la propria nuova auto nella prima classe della madre o del padre, anzichè nella costosissima 14esima classe. Naturalmente l'intervento, in termini commerciali, da parte delle assicurazioni è stato più che tempestivo. Bisogna, infatti, considerare il fatto che una polizza di assicurazione con una classe ereditata, ha un costo molto più alto rispetto ad una polizza con gli stessi parametri, ma standard. La differenza può, in certi casi, essere anche del doppio! Questo, purtroppo, in parte vanifica i benefici che la legge aveva portato. Ci sono poi degli importanti fattori da considerare: Non è necessario intestare un' auto ad un convivente per ereditare la sua classe di merito. Per ereditare una classe, è necessario comparire sullo stesso Stato di Famiglia e quindi vivere sotto lo stesso tetto. Non è possibile ereditare una classe su di un veicolo che è già stato assicurato. E' possibile trasferire classi su uguali tipologie di veicoli. Si possono cercare assicurazioni alternative, non è necessario stipulare il contratto presso la stessa compagnia assicurativa dell'auto dalla quale si eredita la classe di merito. Un incidente su di un veicolo non ha nessun effetto su un eventuale veicolo che goda della sua classe ereditata. Le aziende non possono, in alcun modo, usufruire dei benefici di questa legge.

Che cosa è la formula bonus / malus

Che cosa è la formula del Bonus-Malus La dinamica bonus malus è la base della maggior parte delle polizze assicurative di responsabilità civile delle automobili in Italia. Il bonus malus è il meccanismo che regola i costi delle polizze e che fa si che il costo del premio assicurativo di una polizza sia sempre diverso di anno in anno. Se non si provocano incidenti si paga meno se invece si provocano incidenti si paga di più. La definizione del costo della polizza si basa sulle classi di merito assicurative. Semplificando il discorso possiamo dire che ci sono 18 classi di merito e che la 14esima, rappresenta la classe d'ingresso, che corrisponde alla tariffa base. Più bassa è la classe più economica è la polizza. Esiste un periodo di osservazione nel quale viene valutata la virtuosità del guidatore. Se, nel periodo di osservazione, l'automobilista non causa incidenti, scende in 13esima classe (si dice che va in bonus) ottenendo uno sconto sul successivo premio assicurativo; se invece causa incidenti, retrocede in 16esima (allora andrà in malus) e subisce un rincaro del prezzo da pagare per la nuova polizza.

Che cosa è il massimale

È la cifra massima che una compagnia risarcirà in caso di incidente. È buona norma sottoscrivere una polizza con i massimali più alti possibile, almeno 2.500.000 euro, invece del minimo di legge. La piccola maggiorazione del premio che andrai a pagare è ampiamente ripagata dalla maggior tranquillità che potrai aver in caso di sinistro. Devi infatti ricordarti che nella sventurata ipotesi di un sinistro potrebbero essere coinvolte più persone e mezzi facendo così salire a cifre impensabili l'importo dovuto per il risarcimento del danno causato. Attenzione: un massimale basso potrebbe infatti non essere sufficiente a far fronte al risarcimento dei danni per incidenti mortali o con feriti gravi, per i quali la magistratura può fissare risarcimenti molto elevati: in questi casi, verrebbero coinvolti direttamente i tuoi beni presenti e futuri per pagare la differenza ancora dovuta.

Che cosa è la franchigia

La franchigia in una polizza indica la parte del danno non coperto dall'assicurazione, ma a carico diretto dell'assicurato. L'ammontare del premio assicurativo (la cifra da pagare alla compagnia in cambio della copertura) non è perciò l'unico parametro economico da prendere in considerazione per decidere la convenienza di una polizza.

Che cosa è l' ISVAP-IVASS

L'ISVAP è l'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di interesse collettivo. L'ISVAP svolge un'attività di vigilanza sulle imprese di assicurazione e riassicurazione oltre ai soggetti sottoposti alla disciplina sulle assicurazione private, agenti, mediatori di assicurazioni. L'ISVAP è un ente che ha personalità giuridica di diritto pubblico ed è stato istituito dalla legge 12-8-1982 n. 576. Potete scaricare la guida pratica alle Assicurazioni redatta dall'Istituto: ISVAP_Guida pratica alle Assicurazioni

Che cosa è la COVIP

COVIP è l'autorità amministrativa indipendente che ha il compito di vigilare sul buon funzionamento del sistema dei fondi pensione, a tutela degli aderenti e dei loro risparmi destinati a previdenza complementare. Istituita nel 1993 con decreto legislativo n. 124 del 21 aprile 1993, la COVIP ha iniziato a operare nella sua attuale configurazione – con personalità giuridica di diritto pubblico dal 1996.

  • Servizi innovativi

  • Professionalità

  • Etica e deontologia

  • Consulenza